Home ] Meteo ] Oroscopo ] [ In Giardino ] In Cucina ] In Viaggio ] Pubblicità ] 


 

Home
Lavori del periodo


IN GIARDINO

Calendario del giardinaggio

I consigli pratici, mese per mese

 

  • Gennaio In caso di eccessive nevicate, scuotere la neve dai rami dei cespugli ed in particolare dalle conifere, per evitare che si spezzino. Se il tempo lo permette piantare cespugli da frutto. Se non gela iniziare a potare con cautela gli alberi da frutto e gli arbusti ornamentali; è importante che le ferite da potatura di diametro superiore a i 2 cm vengano trattate con balsamo per le piante; è il momento di eliminare i rami malati o secchi. Assicurarsi che il locale in cui svernano le piante da vaso per balconi sia arieggiato.

 

 

  • Febbraio Concimare il prato ed il giardino con stallatico disseccato o altro concime organico; nelle belle giornate potare i cespugli da frutto e gli alberi. Piantare in vasi o ciotole all'interno al riparo dai freddi i tuberi delle begonie per la precoltivazione; potare e rinvasare le fucsie e i gerani e sistemarli in un luogo riparato all'aperto.

 

  • Marzo Arieggiare e concimare il prato, togliere la protezione dai rosai; dividere, trapiantare e concimare le piante perenni divenute troppo grandi; potare e concimare i rosai e, se necessario, annaffiare; piantare le viole nelle fioriere e nell'orto, seminare piselli e fagioli.

 

 

  • Aprile Concimare le bordure con stallatico, composta e torba. Tagliare e concimare il prato settimanalmente. Gli arbusti a fioritura precoce, forsizia e prunus, vanno potati al termine della fioritura, eliminare anche i fiori ormai passati di tulipani, giacinti, narcisi. Attenzione ai getti selvatici dei rosai, riconoscibili per le molte foglioline e la crescita veloce, vanno eliminati subito.

 

  • Maggio Per gli appassionati  è un mese ricco di attività sia in giardino che nell'orto. Procedere alla pacciamatura tra le bordure fiorite, per contrastare la crescita delle erbacce; estirpare le erbacce dai terrazzi e dai vialetti; è il momento di iniziare a potare le siepi; eliminare l'eventuale muschio dal prato ed arieggiate il terreno con un rastrello. Dopo la metà del mese portare all'esterno le piante da tinozza e le altre piante che avete tenuto al riparo nei periodi freddi. Dare un pulita alle foglie delle piante  da appartamento e portarle all'esterno alla fine del mese.

 

 

  • Giugno Concimare le bordure fiorite; tagliare, annaffiare e concimare regolarmente il prato. Attenzione alle temperature elevate dannose all'orto; prendere le dovute precauzioni per combattere gli insetti nocivi; alla fina di giugno potare le siepi sempreverdi, dividere e trapiantare le piante perenni a fioritura primaverile, asportare i fiori appassiti dalle piante perenni e da tinozza  per prolungarne la fioritura. nell'orto si possono piantare i pomodori, le melanzane, i peperoni e seminare le insalate. Asportare i fiori appassiti ai rosai, ad eccezione dei rampicanti, per prolungarne la fioritura e nei periodi secchi annaffiare abbondantemente al mattino presto o alla sera tardi. Una volta alla settimana concimare.

 

  • Luglio è piena estate ed è tempo di godersi il proprio giardino. Annaffiare di primo mattino, in particolare le piante da tinozza; il terreno deve essere sempre umido. Le piante da tinozza vanno concimate settimanalmente. Asportare i fiori appassiti dei lupini e delle campanelle, rifioriranno così alla fine dell'estate. Proteggere dai raggi diretti del sole le piante da appartamento portate all'esterno: non tagliare troppo il prato. Nell'orto seminare le verze ed il finocchio. 

 

 

  • Agosto Asportare i fiori appassiti dalle fioriere, piantare gli astri e i crisantemi autunnali. E' tempo di piantare nuove fragole o dividere e trapiantare quelli esistenti, concimarle con prodotto specifico. Potare i cespugli dei lamponi e dei ribes al termine della fruttificazione. Annaffiare regolarmente i meli e i peri ormai carichi di frutti; seminare gli spinaci autunnali e a fine mese quelli invernali.

 

  • Settembre E' il periodo ideale per piantare le piante perenni e gustare la frutta raccolta. Rinfoltire le bordure con piante a fioritura primaverile; legare e sostenere le piante più alte in modo che resistano al vento. Dalla seconda metà del mese non è più possibile seminare il prato erboso. Tagliare le foglie ormai appassite dei gladioli, dissotterrare i bulbi, asciugarli e conservarli in un luogo fresco e asciutto. Se necessario ricoverare all'interno le piante da appartamento precedentemente portate all'aperto. Raccogliere giornalmente mele, pere e pesche cadute a terra, utilizzate quelle sane e gettate quelle marce; potare i peschi dopo il raccolto.

 

  • Ottobre anche se durante il giorno può essere ancora abbastanza caldo, possono verificarsi le prime gelate notturne. Piantare ora i cespugli e gli arbusti a foglie caduche; preparare le piante perenni per l'inverno, asportando i fiori appassiti e le foglie in eccesso. Eliminare le piante estive appassite; piantare i bulbi da fiore; dissotterrare dalie, canne e begonie, asciugare i tuberi e riporli in cassette al buio al riparo dal gelo. Riparare dal gelo le piante da tinozza; aggiungere nuove piante alle bordure da fiore.

 

  • Novembre Fintanto che non gela è ancora possibile piantare arbusti, rosai, piante perenni e bulbi da fiore. Tagliare il prato per l'ultima volta e spargere del concime; proteggere dal freddo i rododendri e le azalee con paglia o torba. Mantenere per quanto possibile umido il terreno delle sempreverdi. Non appena gli alberi da frutto perdono le foglie, potarli; è la potatura di ringiovanimento; raccogliere gli ultimi frutti e le verdure, conservare la frutta in un luogo fresco e ventilato.

 

 

  • Dicembre è il mese invernale per eccellenza, durante il quale le gelate sono abbastanza intense. Proteggere dal gelo i rosai coprendo la base con del terreno e sopra ancora della paglia, dei trucioli e del letame. I rosai ad alberello vanno protetti con gli appositi caschi, in ogni caso proteggere l'innesto. Potare gli arbusti a fioritura estiva ed i rampicanti, come il kiwi. Se avete un laghetto, dotatelo di un dispositivo antigelo; se il laghetto è poco profondo estrarre le piante acquatiche e farle svernare in un luogo fresco, assicurarsi che siano sempre umide.

 

 


 

 

 

IN-ZONA SOSTIENE